Maggio, tempo di rose e di ciliegie…è proprio in primavera inoltrata, infatti, che maturano le prime varietà di ciliegia, frutto dolcissimo con un gran numero di proprietà salutari e con bassissimo contenuto di calorie, che ne fanno lo spuntino ideale per chi vuole tenere il proprio peso sotto controllo.

Non tutti sanno, però, che della ciliegia viene utilizzato anche il peduncolo, ricco di diversi principi attivi utili dal punto di vista erboristico. I peduncoli di ciliegia sono l’ingrediente principale del nostro decotto che aiuta a combattere la cellulite, uno dei problemi più comuni tra le donne.

Le sue cause sono molteplici: vanno dalle alterazioni ormonali, alla cattiva alimentazione, dal tipo di vita poco sano e pigro, all’assunzione di farmaci, dalla circolazione difettosa alla predisposizione genetica solo per citarne le principali.

Che si tratti di un inestetismo o di un disturbo più marcato, con ricadute sul sistema circolatorio (disturbi come varici o fragilità capillare) ed in generale sugli arti inferiori (dolori, edemi, crampi), la cellulite deve essere trattata anche “dall’interno”. Le piante officinali, scelte tenendo presenti le cause del problema, sono un valido alleato nella lotta contro la cellulite, in particolare quando è causata da edemi e cattiva circolazione.

I peduncoli di Ciliegia miscelati con la Spirea, le foglie di Betulla, la Centella e il Migliarino vanno a comporre una tisana dalle proprietà drenanti e depurative, adatta in preparazione dell’imminente estate.

 

LE PIANTE OFFICINALI

Del frutto della ciliegia si utilizzano i peduncoli perché ricchi di principi attivi come i tannini, i polifenoli, i sali di potassio, gli acidi organici, le mucillagini e un principio amaro.

Hanno, inoltre, molte proprietà diuretiche, antiuriche, astringenti ed antigottose che li rendono adatti ad aiutare chi soffre di infiammazione renale e catarro delle vie urinarie.

Questa caratteristica di favorire la diuresi e nel contempo non sovraccaricare, anzi migliorare, la funzione renale li rende un rimedio importante per chi soffre di cellulite, ritenzione idrica, infezione delle vie urinarie permettendone un uso prolungato senza particolari controindicazioni.

La Spirea, detta anche la Regina dei prati, è una pianta erbacea perenne della famiglia delle rosacee alta fino a 120 cm e diffusa nei prati umidi di tutta Europa.

La presenza di diversi principi attivi quali flavonoidi, un’essenza composta da aldeide salicilica e salicilati giustifica l’azione benefica nei reumatismi articolari e muscolari e nella gotta.

E’ anche un efficace diuretico e per questo usato nelle tisane anticellulite: ne favorisce l’eliminazione e libera dai fastidi e dai dolori dei muscoli e dei tessuti che spesso sono associati.

Della Betulla, conosciuta nell’antichità come “Pianta della Sapienza”, si usano prevalentemente le foglie, anche se negli ultimi anni si è riscoperta la sua linfa bevuta prevalentemente in primavera come drenante e depurativo.

Le foglie sono un eccellente rimedio per i reni giovando negli edemi cardio-renali, nell’albuminuria, per l’eliminazione degli urati e dei calcoli renali.

Il loro pregio sta nel fatto di non arrecare affaticamento renale pur aumentando la diuresi e depurando dai ristagni il nostro organismo.

Per queste sue proprietà sono state assunte come rimedio elettivo nel trattamento della cellulite.

Le foglie di questa pianta erano considerate nell’antica tradizione ayurvedica in grado di dare la longevità e trattare i problemi della vecchiaia.

Ovviamente gli studi moderni non hanno confermato questa sua proprietà, ma studi più approfonditi hanno dimostrato la sua capacità di migliorare la circolazione venosa e ridurre gli edemi alle gambe.

Ed è per questa sua proprietà che si viene largamente utilizzata nei prodotti farmaceutici ed erboristici.

Infatti, tonificando le vene stimola la circolazione e di conseguenza favorisce il riassorbimento dei depositi cellulitici.

Si tratta di una pianta perenne della famiglia delle Borraginaceae diffusa anche in Italia nelle zone calcaree fino ad un’altitudine di 1400 metri.

Fra i principi attivi presenti possiamo citare flavonoidi, mucillagini e acido litospermco.

Certamente non fra le più note e studiate piante officinali, vanta tradizionalmente proprietà diuretiche per cui è considerato un valido rimedio contro la ritenzione idrica e la cellulite edematosa.

Si considera efficace per drenare i liquidi interstiziali che la caratterizzano.

Alcuni studi avrebbero ipotizzato anche una sua azione ipoglicemizzante ancora da approfondire.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.